PALCOSCENICO

Dopo 44 anni, al Filarmonico, l’indimenticabile (e irripetibile) “Orlando furioso” di Vivaldi. Sfrenato trionfo del Barocco

VERONA, lunedì 9 maggio ► (di Carla Maria Casanova) - Sfido chiunque, anche il più agguerrito nella lettura dell’Ariosto, a venirne a capo. Intendo a capo del libretto scritto da Grazio Braccioli per  segue

Il malandrino incontro tra un cinquantenne e una giovane donna diventa un gioco di perfidie. Tra commedia e thriller

MILANO, mercoledì 4 maggio - Sceneggiatore, drammaturgo e regista francese (nato a Tunisi), Eric Assous (1956-2020) è un autore molto conosciuto in Francia. Autore di 80 trasmissioni radiofoniche e  segue

Esplosione di applausi, anche a scena aperta, per Diego Florez (Romeo). Uno dei più grandi tenori di tutti i tempi

FIRENZE, giovedì 28 aprile ► (di Carla Maria Casanova) - Salvo rari casi, quando si è divi, un motivo c’è. Ma ci sono divi e divi. Nel proclamato campo dei tenori, Mario del Monaco e Pavarotti, due  segue

Cinema

Un padre, una figlia, un amore. Bello, struggente, vero, ma esagerato. E con, al centro, sempre e solo lui: Sean Penn

(di Patrizia Pedrazzini) - John Vogel è proprio un grande papà. Carismatico, sognatore, esaltante, avventuroso e un po’ folle, agli occhi della figlia prediletta, Jennifer, appare come un eroe, il  segue

Oscar 2022. Baci abbracci lacrime e cazzotti. È “CODA” il miglior film. Ma “Dune” rastrella sei statuette. Fuori l’Italia

LOS ANGELES, lunedì 28 marzo - Will Smith, miglior attore protagonista per “Una famiglia vincente”, sferra un pugno in faccia al presentatore Chris Rock, reo di avere appena fatto una battuta infelice  segue

Mostre

Le donne nella Venezia del Cinquecento. Belle, eleganti sensuali e padrone di sé. Nei dipinti di Tiziano. Ma non solo

MILANO, mercoledì 23 febbraio ► (di Patrizia Pedrazzini) - All’inizio, in una sorta di quasi discreta, e insieme canonica introduzione, le due protagoniste femminili dell’Antico e del Nuovo Testamento: Eva e Maria. Alla fine, in solo apparente contrasto, l’immagine profana di una Ninfa. Nel mezzo, un percorso creativo che, senza mai scostarsi dai canoni della bellezza, dell’eleganza e della sensualità, ma sempre coniugando grazia, dolcezza e potere di seduzione, si propone di riflettere sul  segue

La Cina di Cartier-Bresson. A Milano due storici reportage in 100 scatti sui primi 10 anni dopo la presa del potere di Mao

MILANO, venerdì 18 febbraio ► (di Patrizia Pedrazzini) "In effetti, la fotografia è per me un modo di disegnare la realtà, sottolineando forme, luci e ritmi e rispondendo intuitivamente a un soggetto, in una continua lotta contro il tempo per catturare il momento decisivo”. Quando, nel novembre del 1948, la rivista “Life” gli commissiona un reportage sugli ultimi giorni di Pechino prima dell’arrivo delle truppe di Mao, il francese Henri Cartier-Bresson ha quarant’anni. Ha appena fondato a New  segue

Libri

Leopardi e il teatro. Scrisse tragedie. Ma solo le Operette Morali messe in scena ai tempi nostri hanno avuto successo

(di Andrea Bisicchia) - Nel 2004, a Recanati, durante un Convegno su Giacomo Leopardi, si discusse sulla dimensione teatrale del suo linguaggio, dopo che Isabella Innamorati aveva curato, qualche anno prima, una edizione critica del suo teatro. Si trattava di inquadrare, storicamente, il “Teatro di poesia”, con inevitabili riferimenti a quello del Manzoni e del Foscolo. L’amore per il teatro, Leopardi lo manifestò all’età di diciott’anni, quando scrisse un abbozzo di tragedia “Erminia”, a cui  segue

Partire da cento. Come in Dante e Boccaccio. Per “leggere” la letteratura in chiave matematica. Verso l’infinito e oltre

(di Andrea Bisicchia) - Marco Antonio Bazzocchi insegna Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea nell’Università di Bologna. Nel suo libro, “Cento, un grattacielo di racconti”, edito dal Mulino, ha scelto una metodologia di ricerca che sta tra l’accademico e la divulgazione, nel senso che utilizza il cento, ritenuto un numero perfetto, per indagare delle Opere che si caratterizzano per la particolare numerazione, capace di contenere, appunto, “un grattacielo di racconti”, come accade nel  segue