PALCOSCENICO

Strepitoso successo di “Giulio Cesare. Stratosferiche le arie di Händel”. Ma non mitizziamo il casto bagno di Cleopatra

MILANO, sabato 19 ottobre ► (di Carla Maria Casanova) - Ieri sera, alla Scala, le belle quattro oracce del “Giulio Cesare in Egitto” di Georg Friedrich Händel (un intervallo) hanno sortito un successo  segue

Il Maestro e Margherita, esplosiva miscela di generi, eppure mancano le “rutilanti invenzioni”. E tutto risulta opaco, piatto

MILANO, mercoledì 16 ottobre ► (di Paolo A. Paganini) - Il più illuminante saggio sul “Maestro e Margherita” di Bulgakov (1891-1940) è forse, in assoluto, quello siglato C.G.D.M, sul prezioso  segue

Versione originale (1809) di “Fernand Cortez”. Grandiosa, monumentale – 4 ore e un quarto – e straripante di balletti

FIRENZE, lunedì 14 ottobre ► (di Carla Maria Casanova) - Spontini, chi ha il bene di conoscerlo, lo conosce attraverso “La Vestale”. Forse da quella diretta da Muti alla Scala (1993) o forse, bene  segue

Cinema

Abusi ♦ Identità da Facebook ♦ Primo al Royal Ballet ♦ La Malefica Jolie ♦ Avvocato azzeccaguai ♦ Plotone di morte

► Da giovedì 17 ottobre   GRAZIE A DIO (Francia 2019) di François Ozon. Con Melvil Poupaud, Denis Ménochet. Drammatico. 137 min. ● Un uomo viene a sapere che il prete, che aveva abusato di lui  segue

Verità, menzogne, ricordi. Madre e figlia a confronto nel film “francese” di Hirokazu. Con una Deneuve a dir poco regale

(di Patrizia Pedrazzini) “Sono un’attrice. Non posso raccontare la nuda verità: la verità non appassiona”. Già, ma se la verità non è dato conoscerla, la memoria è ancora più insidiosa e ingannatrice.  segue

Mostre

I Thannhauser, una storia d’arte e di collezionismo. A Palazzo Reale i capolavori dal Guggenheim di New York

MILANO, venerdì 18 ottobre ► (di Patrizia Pedrazzini) - Corre l’anno 1909 quando, a Monaco di Baviera, Heinrich Thannhauser, ebreo tedesco mercante d’arte, apre in città la Moderne Galerie, con una mostra inaugurale che raccoglie circa duecento opere di artisti francesi e tedeschi. Inizia così la storia di una famiglia di collezionisti tra i più noti d’Europa. Prima Heinrich, poi il figlio Justin. Dalla loro Galleria passano Kandinskij, Picasso, Degas, Van Gogh, Rousseau, i Futuristi italiani.  segue

La famiglia secondo Erwitt. A Milano 60 scatti del grande fotografo: la commedia della vita, senza veli e senza giudizi

MILANO, mercoledì 16 ottobre ► (di Patrizia Pedrazzini) - Non è un concetto facilmente definibile, quello di famiglia. Tanto riesce a essere, questa particolare realtà, al contempo solida e delicata, assoluta e relativa, universale e mutevole. A seconda dei periodi storici, ma anche delle situazioni geografiche, dei condizionamenti politici e sociali, della stessa genetica. E se fosse, la famiglia, solo più “soggettiva” di quanto promette? Al Mudec di Milano, fino al prossimo 15 marzo, una  segue

Libri

Il Piccolo Teatro, da Strehler a Ronconi. Ascesa e caduta degli Stabili. L’ossequio al PCI per un “teatro partecipato”

(di Andrea Bisicchia) Maurizio Porro, oltre che critico militante, è anche un archivio vivente, nel senso che, quando parli con lui di uno spettacolo, si ricorda di tutto: date, distribuzione degli attori, registi, scenografi e, persino, di qualche pettegolezzo. Possiede un archivio professionale molto specialistico, oltre che una serie infinita di programmi di sala che hanno accompagnato la sua lunga carriera di spettatore di professione, dal 1974 a oggi. A volte, quando ci si incontrava, si  segue

Travestimento, solo virtuosismo? Anche ricerca sul mistero dell’identità sessuale e scenica, tra maschera e personaggio

(di Andrea Bisicchia) Mentre Galatea Ranzi interpreta il personaggio della Bernhardt in “Lezioni di Sarah”, regia Ferdinando Ceriani, che prende spunto da “L’arte del teatro” e, in particolare, da tre lezioni della famosa attrice, Mattia Visani pubblica, per Cue Press, il testo esauritissimo di Laura Mariani: “Sarah Bernhardt, Colette e l’arte del travestimento” (prima edizione, Il Mulino,1996). Si tratta di un volume bipartito perché contiene, nella prima parte, una breve storia del  segue