PALCOSCENICO

degli-esposti-strabioli-2

Piera Degli Esposti. Ovvero, la trasfigurazione di un’attrice. Che subito diventa un’altra. Ancora giovane forte e bella

MILANO, venerdì 2 dicembre ♦ (di Paolo A. Paganini) Per un artista, il teatro può diventare un allucinogeno. Che si parli di musica, o di prosa, o di quant'altro, il teatro trasfigura chi lo fa.  segue

2-12-16-collage-don-giovanni

Il sogno lontano di Simone Toni, ossessione e follia: il “Don Giovanni” di Mozart. E, infine, un glorioso successo

MILANO, venerdì 2 dicembre ♦ (di Giorgio Ferrari) Ci vuol coraggio. Coraggio nell'affrontare il Don Giovanni di Mozart e Da Ponte, opera terribile e così scrupolosamente vivisezionata nel corso nei  segue

Cinema

29-11-16-zucchina_1

Animazione alla plastilina. Con tanta tenerezza, rispetto ed emozione per dei bimbi sfortunati. Senza mieloso buonismo

(di Marisa Marzelli) Il cinema d’animazione più conosciuto è quello delle grandi case americane, Disney e Pixar in testa. Perciò stupisce piacevolmente il successo internazionale che sta riscuotendo  segue

1-12-16-film-settimana

E lo chiamano amore • Ammaraggio nell’Hudson • Tempo della fanciullezza addio • Se Eduardo naufraga all’Asinara

I FILM DELLA SETTIMANA ♦ Da martedì 29 novembre ► L'AMORE RUBATO (Italia 2016) Regia di Irish Braschi. Con Emanuel Caserio, Antonio Catania, Cecilia Dazzi. 60 minuti. Drammatico ● Cinque storie di  segue

Mostre

29-11-16-collage-americani

A Milano l’America on the road di Robert Frank. In 83 “rivoluzionarie” foto la ballata di un’epoca poetica e desolata

MILANO, martedì 29 novembre ♦ (di Patrizia Pedrazzini) “Quella folle sensazione in America, quando il sole picchia forte sulle strade e ti arriva la musica di un jukebox o quella di un funerale che passa”. Così Jack Kerouac, il leggendario autore di “On the Road”, nell’introduzione al libro fotografico “The Americans”, frutto di due anni di scatti realizzati, in lungo e in largo per gli Stati Uniti, da un fotografo leggendario, Robert Frank. Due leggende a costruirne una terza: quell’America  segue

Giacomo Balla, "La Pazza", 1905, olio su tela, 175 x 115 cm, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea. © Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma. Su gentile concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Foto Giuseppe Schiavinotto, Roma. © Giacomo Balla, by SIAE 2016

Le metamorfosi di Balla, da pittore realista a rivoluzionario del Futurismo. Imperdibile mostra alla Fondazione Ferrero

ALBA (Cuneo), sabato 29 ottobre - (di Paolo A. Paganini) - Ombra, luce, velocità: sono le tre fasi dell'evoluzione artistica del pittore Giacomo Balla (Torino 1971 - Roma 1958). La prima fase si riferisce al periodo della formazione all'Accademia Albertina che gli consentì di avvicinarsi, con stimoli di forte suggestione, al paesaggismo di Fontanesi, al divisionismo di Pelizza da Volpedo, al misticismo naturalistico di Segantini, all'antropologia criminale di Lombroso. Gli servirono da base per  segue

Libri

28-11-16-cop-immagini-che-curano

Immagini e immaginazione disvelano la nostra psiche, diventando oggetto di cura nei conflitti tra conscio e inconscio

(di Andrea Bisicchia) Alla Società dello Spettacolo, teorizzata da Guy Debord (1967), è subentrata la società dell’immagine, che ha scelto, come protagonisti, non solo la carta stampata, ma anche l’universo della comunicazione via Internet, col suo linguaggio specialistico, la cui velocità sembra essere in competizione con quella dell’ultrasuoni. L’immagine, però, può essere utilizzata in un contesto più circoscritto, come dire che, con essa, non si percepisce soltanto il mondo, ma anche la  segue

_dentro-la-sera_-copertina-bis

Leggere ora le “lezioni” di Pontiggia in “Dentro la sera”. Ed è come risentire la sua voce. Gli stessi toni e colore

(di Piero Lotito) Una nuova casa editrice per un libro specialissimo: un “inedito” (spiegheremo più avanti) di Giuseppe Pontiggia, scomparso nel 2003, uno dei più grandi scrittori italiani. Si tratta di Belleville Editore, emanazione dell’omonima Scuola di scrittura creativa aperta a Milano nel 2014, «nata con l’obiettivo di proporre quanto, soprattutto nel settore della saggistica sul tema della scrittura creativa, non era stato tradotto o pubblicato». Proprio l’annuncio programmatico  segue