PALCOSCENICO

“I Masnadieri”? Verdi ha scritto ben altro. Regìa di McVicar? Francamente brutta. Molti buu. Rivelazione: Lisette Oropesa

MILANO, mercoledì 19 giugno ► (di Carla Maria Casanova) “I Masnadieri”, andati in scena ieri sera alla Scala con contrasti, non sono, diciamolo, tra le opere più pregiate del buon Peppino. Opera  segue

Stagione 2019/2020: ben ventitré progetti produttivi. E poi vecchie e nuove ospitalità nel cartellone dell’Elfo/Puccini

MILANO, giovedì 6 giugno – È stato presentato il cartellone 2019/2020 del Teatro dell’Elfo Puccini nelle sue tre Sale (Shakesperare, Fassbinder e sala Bausch). Sono previsti, tra i progetti produttivi  segue

Se n’è volato via portando con sé il segreto del creato. Monumento celebrativo di Delbono all’amico-icona Bobò

MILANO, mercoledì 5 giugno ► (di Paolo A. Paganini) Questo spettacolo nasce dalla morte di Bobò. Con queste parole, concise e definitive come un necrologio, annunciate da Pippo Delbono, comincia la  segue

Cinema

Forchetta complessata ♦ Nureyev il mito ♦ Fede di madre ♦ L’idolo di un bimbo ♦ Il mondo sottosopra d’uno scrittore

► Da mercoledì 26 giugno TOY STORY 4 (USA 2019) di John Lasseter, Josh Cooley. Animazione. 100 min. ● Woody, Buzz e compagni vivono sereni con Bonnie, che è al suo primo giorno d'asilo. La bambina  segue

Sadismo in ascensore ♦ Sei mesi con licenza di vivere ♦ Magia lucana ♦ E tulipani pugliesi ♦ Sindrome di Stoccolma

► Da giovedì 20 giugno THE ELEVATOR (Italia 2013) di Massimo Coglitore. Con Caroline Goodall, James Parks, Burt Young. Thriller. 93 min. ● Il conduttore d’un quiz di successo, in possesso d’una  segue

Mostre

Magnum, l’inizio. A Milano la prima mostra che l’agenzia fotografica allestì nel ’55. Otto miti dell’obbiettivo in 83 scatti

MILANO, giovedì 9 maggio ► (di Patrizia Pedrazzini) ◄ Quando, nel settembre del 2006, a Parigi Andrea Holzherr, oggi responsabile per le mostre e gli eventi culturali di Magnum Photos, aprì le due casse di legno piuttosto male in arnese che casualmente, durante un trasloco, erano state trovate in uno scantinato dell’Istituto francese di Innsbruck, quello che vide aveva del sorprendente. Vecchi pannelli di legno sui quali erano montate fotografie ingiallite ricoperte di polvere, sporco e muffa. E  segue

Dürer, tra Cristi, Santi e Madonne, dopo cinque secoli continua a stupire. Dal restaurato Palazzo Sturm di Bassano

BASSANO DEL GRAPPA, lunedì 22 aprile ► (di Paolo A. Paganini) Dopo quasi cinque secoli, stupisce ed ancora emoziona la certosina arte d’un artista dell’incisione che, a pochi anni dall’invenzione della stampa, in un certo senso veniva a integrare la composizione dei caratteri di stampa con decori, figure e personaggi. Ma è nella creazione in proprio che Albrecht Dürer (1471-1528), maestro del bulino, lasciò un segno innovatore nella xilografia, nell’incisione, nel disegno, in un’impressionante  segue

Libri

Alberto Lionello: brillante, ironico, seduttore di platee. Lo charme dell’ultimo grande attore. Quand’ancora esistevano

(di Andrea Bisicchia) La storia di un grande attore sembra inventata, perché corredata da eventi, da episodi che hanno più a che fare con l’immaginario teatrale, piuttosto che con la fatica per diventare tale. È possibile, oggi, parlare ancora di grande attore, in un momento in cui si registra l’affermazione della messinscena collettiva o di gruppo, che esclude l’affermazione del singolo? Forse non va più utilizzata la definizione: “tramonto” di cui parlava D’Amico (“Tramonto del grande attore”,  segue

Quell’Enrico IV, che salvò Gianrico Tedeschi dal lager. E lo consacrò al teatro. La vita e i lavori raccontati dalla figlia

(di Andrea Bisicchia) Enrica Tedeschi è stata docente di sociologia presso l’Università di Roma, ma è anche la figlia maggiore di Gianrico Tedeschi a cui ha voluto dedicare un libro particolare, pubblicato da Viella: «Semplice, buttato via, moderno. Il “teatro per la vita” di Gianrico Tedeschi». All’autrice non interessava una biografia d’attore, bensì qualcosa di diverso che potesse mettere a confronto l’indagine sociologica, quella che si suole praticare sul campo, utilizzando un approccio  segue