Messaggio politico di Massimo Castri: “La cantatrice calva”, assurda tragedia del linguaggio

Milano. Valentina Banci e Mauro Malinverno in “La cantarice calva” di Ionesco, regia di Massimo Castri (foto Baldassarre Amodeo)

Milano. Valentina Banci e Mauro Malinverno in “La cantarice calva” di Ionesco, regia di Massimo Castri (foto Baldassarre Amodeo)

(di Paolo A. Paganini) A un anno dalla morte di Massimo Castri, il Piccolo Teatro di Milano ha voluto ricordarlo e rendergli omaggio con la rappresentazione della sua ultima regia, “La cantatrice calva”, breve pièce comico-satirica di poco più di un’ora, che, tutto sommato, può simbolicamente enucleare, nel suo duro nocciolo provocatorio, i cinquant’anni di teatro del regista scomparso. Aveva cominciato come attore, ma, presto, fin dagli anni ’70, si era dedicato alla regia, non disdegnando suggestive ricerche sperimentali, in una sventagliata di allestimenti di assoluta fedeltà filologica. Nulla lasciò inesplorato: Shakespeare, Pirandello, Brecht, Sofocle, Cechov, Goldoni, Strindberg, e poi Genêt, Beckett, infine Ionesco, con questa “Cantatrice calva”.
Rappresentata nel 1950, lasciò allora il pubblico parigino tra lo stupito e l’indignato, comunque sconcertato. Fin dal titolo, che indica un personaggio che non esiste, ma appena citato in un dialogo di strampalati nonsensi. D’altra parte, nulla ha senso in questa anti-pièce, anti-psicologica, anti-boulevardière, anti-tutto-quello-che-volete, in un delirio di parole sintatticamente corrette ma in una confusa orgia di anarchici significati in libertà e di imbarazzati silenzi in assoluta apnea cerebrale. Eppure, nelle intenzioni di Ionesco, la “Cantatrice” non è soltanto assurda per questa sua assenza di logicità.
In un interno borghese di un’abitazione nei dintorni di Londra, fra due coppie, una serva insolente e un pompiere in cerca d’incendi, lo stesso autore definì la non trama della pièce una satirica “tragedia del linguaggio” per mettere alla berlina il vuoto e abitudinario conformismo inglese. Gli stessi dialoghi, è stato scritto, traggono origine dai tanti manuali di frasi fatte, ripetitive e banali, per apprendere la lingua inglese. Ma, si badi, non vuole solo essere una scarnificante satira della piccola borghesia inglese, bensì, secondo l’autore, anche una satira della piccola borghesia universale, di un conformismo che si ritrova ovunque.
Oggi, dopo più di sessant’anni, la carica satirica di questa assurda “Cantatrice” s’è diluita in un altro anticonformismo che ha ormai travolto ogni regola d’ingessato bon ton e di canonici riti salottieri. È rimasto l’impianto comico, questo sì, che anche adesso, nella celebrazione del Piccolo Teatro, ha scatenato nel pubblico una marea di risate e di applausi, anche se nessuno, credo, s’è reso conto di un’altra “tragedia del linguaggio” contemporaneo: parole in libertà, dai molti e confusi significati politici, sociali, commerciali, non vuoti ma truffaldini, che hanno lo scopo di bombardare e appiattire le onde cerebrali non più d’un conformismo all’inglese ma d’un libero pensiero senza condizionamenti. Forse è stata questa l’eredità “politica” di Massimo Castri con questa “Cantatrice calva”. Gli interpreti, applauditissimi: Mauro Malinverno, Valentina Banci, Fabio Mascagni, Elisa Cecilia Langone, Sara Zanobbio, Francesco Borchi.

“La cantatrice calva”, di Eugène Ionesco, regia di Massimo Castri, in scena al Piccolo Teatro Grassi, Via Rovello 2, Milano, fino a domenica 26 gennaio
Tournée
SOLOMEO (PG), Teatro Cucinelli – 2 febbraio.
CREMONA, Teatro Ponchielli – 4 e 5 febbraio.
CARRARA (MS), Teatro Garibaldi – 14 e 15 febbraio

Rusticana avventura al peperoncino di Edoardo Erba con Gigio Alberti, Mario Sala e Monica Bonomi

Milano. Mario Sala e Gigio Alberti n una scerna di “Vera Cruz”, di Edoardo Erba, all’Out Off (foto Dorkin)

Milano. Mario Sala e Gigio Alberti n una scerna di “Vera Cruz”, di Edoardo Erba, all’Out Off (foto Dorkin)

(di Paolo A. Paganini) Nel Tabasco, regione del Messico meridionale, famosa per la sua salsa al peperoncino, per le rovine Maya, per la povertà della popolazione e per la ricchezza degli spacciatori di droga, si ritrovano, dopo cinquant’anni, due ex amici: Manuel e Isidro, il primo estroverso e disinibito, il secondo solitario e taciturno; il primo ladro bugiardo spacciatore e assassino, il secondo, onesto e fedele lavoratore, abile corniciaio ora dedito all’orto, con la sola vocazione per i pomodorini e che non gli rompano le scatole. Ma, dopo tanti anni, nella sua povera e sperduta casa di campagna gli piomba Manuel. Isidro non se ne capacita e del vecchio amico diffida. Da sempre. Ma Manuel vuol solo parlare, dice, e, in realtà, sia lui sia l’amico sono gli unici due indigeni depositari d’una lingua ormai scomparsa, il Nuumte Oote (Vera Vuz). Attraverso questo antico lingaggio materno, il vecchio filibustiere vuol nostalgicamente recuperare antichi ricordi di una pur scapestrata giovinezza, ma anche far rivivere storie familiari ed affetti (e qualche verità che doveva rimanere nascosta), come solo il dialetto sa fare.
Amicizia vendetta giustizia sono i cardini di quest’opera di Edoardo Erba, come una specie di sornione scontro western, in scena all’Out Off, che in un’ora e quindici senza intervallo, recupera con tenerezza elegiaca un altro carattere presente da protagonista: lo scomparso dialetto nativo, qui traslato da Erba in dialetto pavese, altra lingua destinata all’estinzione, come il milanese, come altri dialetti italiani, schiacciati, massificati da un approssimativo italiano televisivo e dall’indiscriminato e snobistico inquinamento anglofilo. Un terzo personaggio, Felipa, partecipa all’azione drammaturgica. Gran lavoratrice, scaltra e determinata, dopo una vita spesa a far da serva al burbero e scontroso Isidro, vuol solo concludere in bellezza facendosi finalmente sposare. Anche perché come può una moglie testimoniare contro il marito? Basta, abbiamo rivelato anche troppo.
Lo spettacolo, con l’attenta e scavata regia di Lorenzo Loris, è destinato a diventare uno dei più gradevoli della stagione, specie e soprattutto per i tre straordinari e affiatati interpreti. Gigio Alberti e Mario Sala, in un non troppo ostico e musicale dialetto pavese (per i più schizzinosi cultori d’italico purismo sono presenti i sopratitoli), sono i due sfuggenti duellanti western, di cui alla fine si saprà tutto. Caspita, che bravi. E Monica Bonomi, nella parte di Felipa, è il tenero controcanto d’una simpatia che sprizza tutte le volte che irrompe in scena. Un particolare plauso anche alla rustica scena di Daniela Giardinazzi, degna cornice d’una storia di agresti atmosfere, che recupera in parte anche personali richiami di nostrane province, dove la vita, una volta, era schietta di amori e di amicizie. Ma, si sa, quando la vita è tanto amata, la tragedia è pronta a bussare alla porta. Calorosi, incondizionati applausi alla fine per tutti.

“Vera Vuz”, di Edoardo Erba, con Gigio Alberti, Mario Sala, Monica Bonomi, al Teatro Out Off, Via Mac Mahon 16. Milano. Repliche fino a domenica 2 febbraio.

L’amore sfrenato di Kokoschka e Alma Mahler in “La creatura del desiderio” di Andrea Camilleri

Nel 1912, un anno dopo la morte di Mahler, la sua giovane vedova, considerata la più bella ragazza di Vienna e allora poco più che trentenne, incontra il pittore Oskar Kokoschka. Inizia una storia d’amore fatta di eros e sensualità, che sfocerà ben presto in una passione tanto sfrenata quanto tumultuosa. Viaggi, fughe, lettere, gelosie e possessività scandiscono i successivi due anni, durante i quali l’artista crea alcune fra le sue opere più importanti, su tutte La sposa del vento.
Ma la giovane donna è irrequieta e interrompe brutalmente la relazione. Kokoschka parte per la guerra con la morte nel cuore. Al suo rientro in patria, traumatizzato dal conflitto e ancora ossessionato dall’amore perduto, decide di farsi confezionare una bambola al naturale con le fattezze dell’amata. Questa è la sua storia.

“La creatura del desiderio”, di Andrea Camilleri, ediz. Narrativa Skira 2013, pagg 144 – € 14,50

Un imprevedibile Massimo Dapporto cade nelle trappole di Iago fra tuoni fulmini e saette

Milano. Massimo Dapporto e Angelica Leo nella scena finale di “Otello” con la regia di Nanni Garella (foto Luca Sgamellotti)

Milano. Massimo Dapporto e Angelica Leo nella scena finale di “Otello” con la regia di Nanni Garella (foto Luca Sgamellotti)

(di Paolo A. Paganini) Nelle tragedie di Shakespeare (per le commedie è un altro discorso) ci sono precisi paradigmi nei quali s’innerva la natura dei personaggi. In “Otello” c’è il Cattivo (Iago), c’è il Buono (Cassio), c’è il Pirlaccione stolido e innamorato (Roderigo), c’è l’Eroe valoroso e ingenuo (Otello), c’è la Fanciulla appassionata e fedele (Desdemona), c’è la Governante allegra e di buonsenso popolare (Emilia). La Commedia dell’Arte e Carlo Goldoni li chiamerebbero “caratteri”. Stiamo su “Otello”, in scena nello storico teatro milanese Carcano. Abbiamo fatto l’introduttiva lezioncina da maestrucoli non per sfizio ma per spiegare le scelte registiche e riduttive della tragedia originale in cinque atti, ora tagliuzzata ad arte e sapienza in un paio di ore con un intervallo.
Il regista Nanni Garella, poiché in Shakespeare l’azione si svolge il primo atto a Venezia e gli altri quattro in un porto di Cipro, ha tagliato corto e ha trasporto l’azione tutta a Cipro, anzi su una spiaggia desolata, tra cielo mare e sabbia, e così facendo (essendo diventati i costi di allestimento sempre più esosi ed incontrollabili), la scabra scena di Antonio Fiorentino è diventata una sana palestra di pura recitazione e di efficaci inventive, fra cupi suoni di minaccia e scrosci di tuoni fulmini e saette (il primo quadro a imitazione della “Tempesta” strehleriana). Con tutto ciò, gira e rigira, torniamo alla nostra introduzione.
Non c’è dubbio che questo “Otello” a molti puristi sembrerà un bigino. Ma non sarebbe corretto. L’allestimento, visto nella prospettiva programmatica del Carcano, meritorio nella tradizionale fedeltà al classico, non un bigino ma un onesto libro di lettura per la scuola media, svelto di lingua, spregiudicato nell’azione e, appunto, paradigmatico nel far capire subito dove sta il nettare e dove il veleno, cioè i buoni, i cattivi, gli stolidi e gli onesti, dove la giustizia e dove l’infamia. Per un giudizioso avvicinamento a Shakespeare è operazione propedeutica d’intelligente dignità. Ovviamente, i dodici personaggi primigeni (belli e appropriati i costumi di Claudia Pernigotti) qui sono diventati sette (con sacrificio dunque di marinai messaggeri araldi ufficiali vari gentiluomini musici e gente al seguito, e, onestamente, l’azione non ne soffre).
E così, in un crescendo un po’ affrettato di tensione emotiva, si arriva alla ben nota conclusione di morti feriti e sopravvissuti: Desdemona strozzata, Otello suicida, Emilia accoltellata, Roderigo assassinato e il perfido Iago punito in aeternum. Amen.
Un imprevedibile Massimo Dapporto nei panni di un Moro in sospetto di epilessia se la cava alla grande e Maurizio Donadoni, da subito mestatore di anime, si esibisce in un capolavoro di velenosa cattiveria; Federica Fabiani, dama di compagnia di un’esile Desdemona (Angelica Leo) è un’esuberante popolana che molto ricorda la Balia di Giulietta. Ma bene e applauditissimi anche gli altri: Matteo Alì, Jacopo Trebbi e Gabriele Tesauri.

“Otello”, di Shakespeare, regia di Nanni Garella. Repliche fino a domenica 19. Teatro Carcano, Corso di Porta Romana 63. Milano.
Tournée
Dopo Milano, lo spettacolo sarà a Bergamo, Teatro Donizetti, dal 21 al 26 gennaio, e a Perugia, Teatro Morlacchi, dal 5 al 9 febbraio.