Milano: cinque prime da non perdere (dall’11 al 14 novembre). Si comincia con Godot

“Aspettando Godot”: l’eterna paziente attesa di Pozzo e del suo servo Lucky, che preferisce restare legato da una corda al suo padrone piuttosto che prendere in mano la propria esistenza e doversene in qualche modo preoccupare. Alla fine di ogni giorno un misterioso ragazzo annuncia che “il signor Godot non arriverà oggi, ma di sicuro domani”. Angosciante metafora del vivere umano, qui in chiave comica. “Aspettando Godot”, di Samuel Beckett, traduzione Carlo Fruttero, regia Jurij Ferrini, con Natalino Balasso, Jurij Ferrini, Angelo Tronca, Michele Schiano di Cola. Teatro Elfo Puccini, sala Shakespeare, corso Buenos Aires 33 – Milano. Da lunedì 11 a domenica 17.

Winnie, uno dei personaggi più straordinari della seconda metà del Novecento, e Nicoletta Braschi, dopo aver inaugurato la stagione del Teatro Stabile di Torino, portano ora al Franco Parenti, insieme con Roberto De Francesco e con la regia di Andrea Renzi, “Giorni felici”, di Beckett. Con questo allestimento sono stati messi in evidenza soprattutto i molti riferimenti al mondo del teatro, già insiti nel testo, come quando la protagonista dice: «ho la strana sensazione che qualcuno mi stia guardando”, o come quando si interroga sul parasole che ritorna sempre nella stessa posizione, o come il campanello interpretabile come segnale del chi è di scena, o l’operetta come memoria condivisa della coppia Winnie e Willie… “Giorni felici” di Samuel Beckett, traduzione Carlo Fruttero, con Nicoletta Braschi e Roberto De Francesco; regia Andrea Renzi. Teatro Franco Parenti, Sala A, Via Pier Lombardo 14 – Milano. Da martedì 12 a domenica 24 novembre.

“L’impresario delle Smirne”, grottesca ed impietosa commedia di Goldoni – “che ne parla per fondamento” -, è uno spaccato dell’ambiente del teatro, con i suoi attori, pettegoli, invadenti, boriosi ed eternamente affamati. Quand’ecco che un ricco mercante di Smirne li illude con la proposta di una favolosa e ricca tournée. Ahinoi, gli artisti rimarranno sempre degli inguaribili ingenui… “L’impresario delle Smirne” – 1759 – di Carlo Goldoni, con Valeria Sperlì, Roberto Valerio, Antonino Iuorio, Nicola Rignanese. Adattamento e regia di Rberto Valerio. Teatro Elfo Puccini, Sala Fassbinder, da martedì 12 a domenica 24 novembre.

“Brutto”, di Marius Von Mayenburg, in prima nazionale, è una satira feroce sullo straniamento contemporaneo, in rapporto al proprio aspetto, al proprio corpo. Uno scienziato, per rimediare a un aspetto orrendo,decide di sottoporsi a un radicale intervento chirurgico. L’operazione riesce, ed ecco che, inaspettatamente, diventa bellissimo. Il chirurgo che l’ha operato lo usa come testimonial del proprio talento plastico e il suo capo ne fa un’icona aziendale per attrarre donne ricche e disposte a diventare solide azioniste. La situazione non dura a lungo… “Brutto” di Marius Von Mayenburg, traduzione Umberto Gandini, regia Bruno Fornasari, con Tommaso Amadio, Mirko Ciotta, Michele Radice, Cinzia Spanò. Teatro Filodrammatici, Via Filodrammatici 1. Da giovedì 14 a domenica 1 dicembre.

Prodotta dal Teatro Carcano, “Sei personaggi in cerca d’autore”, di Pirandello, è alla sesta ripresa consecutiva dal 2008, anno nel quale Giulio Bosetti ne curò la regia dopo averlo già interpretato o prodotto tre volte. Per sua stessa ammissione, Bosetti, prima della sua scomparsa, indicò in Antonio Salines il più completo “Padre” che si possa immaginare. L’edizione 2013/14, sempre con la storica regia firmata da Giulio Bosetti, vede impegnati nei ruoli principali, oltre a Salines, Edoardo Siravo, il Direttore-Capocomico, pacato e curioso; Valentina Bardi, la Figliastra, passionale e lacerata; Paola Rinaldi, la Madre, composta e dolente; Michele Di Giacomo, il Figlio, ribelle e febbrile. “Sei personaggi in cerca d’autore”, di Pirandello, al Teatro Carcano – corso di Porta Romana, 63 – Milano – da giovedì 14 fino a domenica 24.

Alarico Salaroli e Marco Balbi: bravi, ma senza la follia di Cervantes non vanno da nessuna parte

Milano. Una scena di “Don Chisciotte - Opera Pop” al Teatro Menotti.

Milano. Una scena di “Don Chisciotte – Opera Pop” al Teatro Menotti.

(di Francesca Paganini) È notte, le saracinesche sono abbassate e mucchi di pneumatici sono sparsi sul palcoscenico. A rompere il silenzio è il richiamo disperato di Don Chisciotte alla ricerca del suo Sancio Panza, il quale naturalmente, vista l’ora, sta dormendo rannicchiato tra il suo ronzino e quelle ruote. Ma subito è pronto per il suo signore, pronto alle nuove avventure, alle nuove ingiustizie e ai nuovi soprusi da sanare. Peccato che quel viaggio non inizi mai, che quelle promesse non vengano mai mantenute, che la follia onirica che Cervantes ci descrive nella sua opera non divenga mai per noi sogno da desiderare. E anche quando le serrande si aprono su una locanda, dopo che una Vespa, sì, una vera moto rombante, ha ammorbato l’aria di pestilenziale gas di scarico (forse a ricordarci che siamo a Milano), lo spettacolo, a quel punto, si siede definitivamente e non va da nessuna parte. Peccato, perché il Don Chisciotte di Alarico Salaroli, attore di fine professionalità, avrebbe avuto tutti i numeri per innalzarsi sulle ali della follia visionaria di Cervantes. E Marco Balbi, altro grande della scena milanese, nelle vesti di Sancio, bene avrebbe potuto rendere la semplice, genuina e grossolana ammirazione per quel cavaliere così tristo ma affascinante. Ma testo e regia non li hanno serviti. Ed anche le musiche del pianista Alessandro Nidi avrebbero potuto contribuire alla follia in modo molto più originale, quando invece sono risultate abbastanza scontate. Si sono, comunque, distinti la cantante Helena Hellwig per la sua vocalità drammatica e comunicativa, la contrabbassista Francesca Li Causi e il chitarrista percussionista Enrico Ballardini (anche in brevi parti recitate). Regia e drammaturgia di Emilio Russo.

Lo spettacolo “Don Chisciotte – Opera Pop” (un’ora e trenta senza intervallo) sarà in scena al Teatro Menotti fino a giovedì 28 novembre.

Gara di primedonne a furor di risate, la Finocchiaro e la Monti, in “scena” al Teatro Manzoni

Milano. Maria Amelia Monti, Stefano Annoni e Angela Finocchiaro in “La scena” di Cristina Comencini, al Teatro Manzoni (foto Fabio Lovino).

Milano. Maria Amelia Monti, Stefano Annoni e Angela Finocchiaro in “La scena” di Cristina Comencini, al Teatro Manzoni (foto Fabio Lovino).


(di Paolo A. Paganini) Anche il termine “scena”, come la maggior parte delle parole italiane, può estendersi figurativamente ad altri significati. Non è solo il luogo dove si svolge un’azione teatrale, seppur con altre pertinenti espressioni, del tipo “mettere in scena”. Ma c’è anche “venire sulla scena del mondo” per la nascita d’un bimbo, o “uscir di scena”, come per esempio uscire dalla vita politica o, più drasticamente, tirar le cuoia. E, se qualcuno esagera in espressioni o comportamento, siamo pronti a dirgli “non fare tante scene”. E poi c’è “il colpo di scena” o l’amante che ti fa “una scenata” o “una scena di gelosia”. E nella cronaca nera si parla della “scena del delitto” o della “scena dell’incidente”…
Orbene, la regista e drammaturga Cristina Comencini ha messo in “scena”, al Teatro Manzoni, l’atto unico di ottanta minuti senza intervallo, intitolato “Scena”. E non sapremo fino alla fine di quale “scena” si tratta. (Ahimè, quante volte dovrò ancora nominare questa parola?) E va be’.
Ci sono due amiche, un’attrice e un’impiegata di rango, che in una non proprio maledetta domenica mattina provano la scena d’una commedia con la quale l’attrice dovrà debuttare l’indomani. Per una delle due è stata una levataccia (è stata una serata ad alto tasso alcolico e sessuale). Le due non più giovanissime amiche credono di essere sole, quand’ecco uscire dalla stanza dei bambini (in assenza settimanale essendo con il padre dopo la separazione dei coniugi) un giovane uomo mezzo nudo. A questo punto si apre uno “scenario” d’incredibili stravaganti imprevedibili sorprese e “colpi di scena” nella totale confusione del giovane in mutande, che non capirà chi è l’una chi è l’altra, in uno scambio di ruoli che lasciano anche nel pubblico qualche punto interrogativo. Anche perché il finale arriva troppo all’improvviso (qualche ritocco non sarebbe sprecato) e non si ha il tempo di capire se si tratta della prova di una… scena teatrale o della vita che ha messo in scena una sua sorprendente sopresa finale.
Lasciamo agli spettatori l’interpretazione di quale scena si tratti. In questo ameno e riuscitissimo gioco delle parti, in una scrittura finalmente godibilissima e intelligente dopo tanta barbarie generale, spiccano – ovviamente – una ironica Angela Finocchiaro, con quei suoi tempi teatrali sempre a segno, e una tenerissima Maria Amelia Monti in una stupenda gara di primedonne. Non stona fra le due qui navigate e sempre seducenti attrici, uno Stefano Annoni, che, ancorché in mutande, si muove con estrema dignità professionale. Grande meritato successo di pubblico in un subisso di risate e di applausi.

Si replica fino a domenica 24.

Il ventottenne regista Alberto Oliva e l’insostenibile leggerezza… del teatro

copertinaOLIVA buonaDal 15 novembre, è in libreria il libro del regista teatrale Alberto Oliva, “L’odore del legno e la fatica dei passi”, che, ripercorrendo la storia del ventottenne protagonista, racconta l’Italia di oggi e l’insostenibile leggerezza dell’essere… giovani. Con sguardo ironico, Oliva fa uno spaccato della vita di un “non bamboccione”, che ha deciso di non andarsene, per smentire tutti i luoghi comuni sui giovani di oggi. “Mentre mio fratello prosegue la gloriosa tradizione di famiglia laureandosi in ingegneria meccanica, mentre il mio compagno di banco al liceo dopo un master in economia lavora a Wall Street, mentre un altro studia cinese per cavalcare i mercati emergenti, io non solo resto in Italia, ma scelgo anche di fare teatro! E nemmeno come attore, faccio il regista…” Nel dipanarsi di aneddoti, incontri, esperienze e letture, si sviluppa una riflessione sull’Italia, sulle opportunità che offre – e che non offre – ai giovani, le risorse che possiede e le occasioni che si possono trovare con tenacia e un pizzico di intuito. Le fortune e le sventure, i compagni di viaggio, i buoni consiglieri e i cattivi maestri sono i protagonisti di un racconto che esprime lo spirito del nostro tempo. Un percorso di formazione che con passo leggero attraversa le aule universitarie, i corridoi dei teatri, le sale prova, gli studi medici e perfino la sala di aspetto di uno stralunato Vittorio Sgarbi, protagonista involontario di uno degli episodi più divertenti del libro.

“L’odore del legno e la fatica dei passi – Resto in Italia e faccio teatro”, di Alberto Oliva, introduzione di Giorgio Galli, ATì Editore, 2013, euro 18.