Halloween 40 anni dopo • Bullismo sempre • Libera ed emancipata • La “famiglia” • Canta Napule • Hotel da thriller

I FILM DELLA SETTIMANA

► Da giovedì 25 ottobre ◄

HALLOWEEN (USA 2018) di David Gordon Green. Con Jamie Lee Curtis, Judy Greer. Horror. 109 min. ● Quarant’anni prima, uno psicopatico, nella notte di Halloween, aveva massacrato gli amici d’una ragazza. Si salvò solo lei. Da allora, insieme con sua figlia, temendo il ritorno del mostro, visse da reclusa nella propria residenza. E il mostro, ora, è fuggito dall’ospedale psichiatrico dov’era ricoverato

THE REUNION (Svezia 2013) di Anna Odell. Con Anna Odell, Anders Berg. Drammatico. 90 min. ● Dopo vent’anni dalla fine degli studi, viene organizzata una cena di ex compagni. Anna Odell, nei panni di se stessa, ha parole di fuoco contro tutti, ricordando episodi di bullismo, di sopraffazione, di aggressioni. Allora era evitata da tutti. E ora?...

DISOBEDIENCE (usa 2017) di Sebastián Lelio. Con Rachel Weisz, Rachel McAdams. Drammatico. 114 min. ● In una comunità ebraica londinese, al giorno d’oggi, è difficile per la figlia del rabbino, tornata da New York per i funerali del padre, far accettare alla comunità la propria emancipazione, la propria libertà. Si scatenerà un conflitto fra ciò che lei è e ciò che la società vorrebbe che fosse

EUFORIA (Italia 2018) di Valeria Golino. Con Riccardo Scamarcio, Valerio Mastandrea, Isabella Ferrari. Drammatico. 115 min. ● Un giovane imprenditore di successo, spregiudicato e affascinante, torna dal fratello, un insegnante timido, riservato e colpito da una grave malattia. Vuole occuparsi di lui. E sarà l’occasione per conoscersi e scoprire un mondo di fragilità ed euforia

UNO DI FAMIGLIA (Italia 2018) di Alessio Maria Federici. Con Pietro Sermonti, Lucia Ocone, Sarah Felberbaum. Commedia. Un mite quarantatreenne sbarca il lunario insegnando dizione. Un giorno, per caso, salva la vita a un suo allievo, un giovane desideroso di fare l’attore.L’insegnante non sa che il giovane fa parte di una famiglia di potenti malavitosi. Che ora si vogliono sdebitare con lui…

7 SCONOSCIUTI A EL ROYALE (USA 2018) di Drew Goddard. Con Jeff Bridges, Cynthia Erivo. Thriller. 141 min. ● Un uomo affitta una stanza all’hotel El Royale. Nasconde una borsa voluminosa sotto le assi del pavimento. Pochi attimi dopo viene ucciso. Dieci anni dopo alcuni clienti decidono di soggiornare nello stesso albergo. Colpi di scena e sequenze shock

LA DONNA DELLO SCRITTORE (Francia 2018) di Christian Petzold. Con Franz Rogowski, Paula Beer. Drammatico. 101 min. ● Le truppe germaniche hanno raggiunto Parigi e ora scendono verso il sud della Francia. Un rifugiato tedesco è riuscito a raggiungere Marsiglia. Ha con sé i documenti, un visto per l’ambasciata messicana e il manoscritto di un romanzo di uno scrittore che si è suicidato temendo di essere catturato…

ANGEL FACE (Francia 2018) di Vanessa Filho. Con Marion Cotillard, Alban Lenoir. Drammatico. 109 min. ● Una giovane donna vive da sola con la figlia di otto anni. Una sera, dopo un incontro in discoteca, decide di andarsene, lasciando la figlia abbandonata a se stessa

ACHILLE TARALLO (Italia 2018) di Antonio Capuano. Con Biagio Izzo, Ascanio Celestini, Tony Tammaro. Commedia. 103 min. ● Un autista di autobus di Napoli sogna il successo come cantante. È infelicemente sposato con un’arpia che gli ha dato tre figli. L’autista è convinto che farà molta strada. Ma per ora l’unica strada è quella che fa sul suo autobus attraverso i quartieri popolari di Napoli

UP & DOWN – UN FILM NORMALE (Italia 2018) di Paolo Ruffini, Francesco Pacini. Con Paolo Ruffini, Lamberto Giannini, Pino Insegno. Docu-fiction. 75 min. ● Cinque attori straordinari soffrono della Sindrome di Down. Ora stanno facendo un lungo viaggio lungo la Penisola, viverndoun sogno d’arte come un’avventura. È la storia d’una compagnia teatrale che vuole compiere un’impresa “normale”: recitare nei più importanti teatri italiani

MINICUCCIOLI – LE QUATTRO STAGIONI (Italia 2018) di Sergio Manfio. Animazione. 75 min. ● Da una serie televisiva. Cambiano le stagioni. Quattro cuccioli impareranno a conoscere come si modificherà la natura del parco e se stessi

BAFFO & BISCOTTO – MISSIONE SPAZIALE (Russia 2018) di Victor Azeev, animazione. 75 min. ● Biscotto è un castoro preciso e abitudinario. Fa esercizi ogni mattina, lavora nel suo giardino e prepara pane e miele per gli abitanti del bosco. La sua vita, però, cambia totalmente quando Baffo, un dinamico gatto sempre alla ricerca di nuove avventure, va a vivere con lui…

Delitti e pupazzi • Rischi da PC • Amori liceali • Dal teatro • Traffici d’uomini • Ex ereditiere • Figlia sbuca dopo 30 anni

I FILM DELLA SETTIMANA

► Da giovedì 18 ottobre ◄

THE CHILDREN ACT – IL VERDETTO (Gran Bretagna 2017) Drammatico, 105 min. Regia Richard Eyre. Con Emma Thompson, Stanley Tucci ● Una donna, giudice specializzata in diritto di famiglia, dedica anima e corpo al suo lavoro. Si interessa al caso di un diciassettenne affetto da leucemia, testimone di Geova, che rifiuta la trasfusione. Decide d’incontrarlo in ospedale. Un incontro che cambierà la sua vita…

PUPAZZI SENZA GLORIA (USA 2018) Commedia. 91 min. Regia Brian Henson. Con Melissa McCarthy, Elizabeth Banks ● In un mondo dove pupazzi e umani vivono insieme quotidianamente, i pupazzi di uno show per bambini degli anni ’80 vengono assassinati uno dopo l’altro, un detective in disgrazia, diventato investigatore privato per pupazzi, viene incaricato del caso…

SEARCHING (USA 2018) Thriller. 101 min. Regia Aneesh Chaganty. Con John Cho, Debra Messing ● Viene aperta un’indagine per risolvere il caso di una sedicenne scomparsa. Il padre ha l’idea di guardare nel computer della figlia. All’apertura di ogni pagina web, riesce a rintracciare tutti i movimenti della ragazza. Si dovrà muovere in uno sconosciuto universo parallelo…

NESSUNO COME NOI (Italia 2018) Commedia. 100 min. Regia Volfango De Biasi. Con Alessandro Preziosi, Sarah Felberbaum, Vincenzo Crea, Leonardo Pazzagli ● Storie d’amori liceali. Un diciassettenne spasima per una compagna, che però ha occhi solo per un nuovo arrivato, un ragazzo arrogante e viziato. Anche fra gli adulti si creano situazioni ingarbugliate. Una insegnante si prende un’infatuazione per il padre del nuovo ragazzo…

SOLDADO (USA, Italia 2018) Azione. 124 min. Regia Stefano Sollima. Con Benicio Del Toro, Josh Brolin ● Lungo il confine messicano, il traffico di droga viene sostituito dal traffico di esseri umani. Ma, in mezzo ai clandestini, si sono infiltrati anche dei terroristi islamici: una minaccia per egli Stati Uniti. Se ne deve interessare un agente. Unirà le forze con un libero battitore, che se ne infischia della legalità…

PICCOLI BRIVIDI 2 – I FANTASMI DI HALLOWEEN (Australia, USA 2018) Commedia. 83 min. Regia Ari Sandel. Con Jack Black, Madison Iseman ● Una casa distrutta, due ragazzini in bici, un libro ritrovato. Comincia la più spaventosa notte dell’anno. E tutte le storie, le più fantastiche, le più incredibili, diventano reali

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ETÀ (Francia 2018) Commedia. 84 min. Regia Daniel Auteuil. Con Sandrine Kiberlain, Adriana Ugarte, Gérard Depardieu, Daniel Auteuil ● Trasposizione cinematografica della commedia attualmente in scena al Teatro Manzoni di Milano (vedi qui)…

LE EREDITIERE (Paraguay 2017) Drammatico. 95 min. Regia Marcelo Martinessi. Con Patricia Abente, Margarita Irun ● Due donne convivono da 30 anni. Entrambe discendono da famiglie facoltose. Recentemente però la loro situazione economica è cambiata e si trovano costrette a vendere un po’ alla volta i beni che avevano ereditato. Una viene arrestata per frode, l’altra torna a guidare la vecchia auto per trasportare anziane signore dell’alta società

IN VIAGGIO CON ADELE (Italia 2018) Commedia. 80 min. Regia Alessandro Capitani. Con Sara Serraiocco, Alessandro Haber, Isabella Ferrari ● Un famoso attore teatrale dal pessimo carattere scopre di avere una figlia di trent’anni, libera da freni e inibizioni, indossa solo un pigiama rosa con le orecchie da coniglio. La scoperta di avere una figlia sconvolge i progetti dell’attore, il quale ha tutte le intenzioni di non volerne sapere…

GUARDA IN ALTO (Italia 2017) Drammatico. 90 min. Regia Fulvio Risuleo. Con Giacomo Ferrara, Aurélia Poirier, Ivan Franek, Lou Castel ● Viaggio di un giovane sui tetti di Roma, alla scoperta di un mondo parallelo, dove esiste una comunità con le sue regole e le sue abitudini…

L’APE MAIA – LE OLIMPIADI DEL MIELE (Australia, Germania 2018) Animazione. 90 min. Regia Alexs Stadermann, Noel Cleary, Sergio Delfino ● È finito il raccolto estivo del miele e l’imperatrice delle api ordina alla regina dell’alveare di consegnarle la metà del miele prodotto. Senza quel miele le api non sopravvivrebbero all’inverno. Solo l’apetta Maia rifiuta di rassegnarsi ed escogita un piano per salvare l’alveare. Concorrerà alle Olimpiadi di Miele…

FUORICAMPO (Italia 2017) Documentario. 71 min. Regia Melkana. ● Un gruppo di giovani rifugiati e richiedenti asilo vede nel calcio la possibilità di costruirsi una vita in Italia…

L’ABBANDONO (Italia 2017) Drammatico. 112 min. Regia Ugo Frosi. Con Giulia Galiani, Alberto Baraghini, Lisa Lazzaro ● Seconda metà del XVIII secolo. Il vicario di un vescovo viene inviato presso un monastero per indagare sui fatti relativi a una suora accusata di scandalo ed eresia. Il vicario avrà una profonda crisi spirituale. E scoprirà una realtà inaspettata…

In gara d’eloquenza • Lady Gaga • Il cucciolo che divenne Zanna Bianca • Una fuitina al contrario • Sacco e Vanzetti

I FILM DELLA SETTIMANA

Da mercoledì 10 ottobre

IL BANCHIERE ANARCHICO (Italia 2018) Regia di Giulio Base. Con Giulio Base, Paolo Fosso. Drammatico. 82 min. ● Un potentissimo banchiere festeggia il compleanno con un unico ospite, che lo interroga sulla sua straordinaria ascesa. Eppure, gli ricorda, una volta era un anarchico.. ” Non ero, sono un anarchico”....

Da giovedì 11 ottobre

QUASI NEMICI – L’IMPORTANTE È AVERE RAGIONE (Francia 2017) Regia di Yvan Attal. Con Daniel Auteuil, Camélia Jordana. Commedia. 95 min. ● Una giovane sogna di diventare avvocato. Iscritta all’università parigina di Assas, ha a che fare con un aggressivo e provocatorio professore, che tuttavia la vorrebbe preparare a una prestigiosa gara di eloquenza. Riusciranno a superare i pregiudizi che hanno uno dell’altra?

A STAR IS BORN (USA 2018) Regia di Bradley Cooper. Con Bradley Cooper, Lady Gaga. Drammatico. 135 min. ● Il venerdì sera, una cameriera si esibisce come cantante in un pub. Qui incontra  per la prima volta una star del rock. La favola di lei comincia quando lui la invita sul palco, rivelando il suo talento al mondo…

THE PREDATOR (USA 2018) Regia di Shane Black. Con Boyd Holbrook, Trevante Rhodes. Azione. 107 min. ● Un cecchino, impegnato in una missione in Messico, s’imbatte in un alieno, al quale riesce a sottrarre il casco e un copribraccio. Invia gli oggetti al proprio domicilio. Ma qui, il figlio, che soffre di una forma particolare di autismo, apre il pacco

ZANNA BIANCA (Francia, Lussemburgo, USA 2018) Regia di Alexandre Espigares. Con Toni Servillo, Virginie Efira. Animazione. 80 min. ● Racconto di formazione di un cucciolo di lupo, adottato con la sua mamma, da un capo indiano, che dà al piccolo il nome di Zanna Bianca. Crescendo, il cucciolo comincerà a conoscere il mondo degli uomini, non tutti buoni come il capo indiano, ma anche perfidi e crudeli, come un delinquente che, a forza di bastonate, vorrebbe che Zanna Bianca diventasse un cane da combattimento…

JOHNNY ENGLISH COLPISCE ANCORA (Gra Bretagna 2018) Regia di David Kerr. Con Rowan Atkinson, Ben Miller. Azione. 88 min. ● Un attacco informatico rivela l’identità di tutti gli agenti infiltrati attivi in Gran Bretagna, ad eccezione di Johnny, che, da solo, entrerà per primo in azione per trovare il capo degli hacker…

A-X-L – UN’AMICIZIA EXTRAORDINARIA (USA 2018) Regia di Oliver Daly. Con Alex Neustaedter, Becky G., Thomas Jane. Fantascienza. 100 min. ● Un giovane ciclista si imbatte in un cane militare robotizzato. Dotato di intelligenza artificiale di nuova generazione e con il cuore di un cane reale, stabilisce con il giovane un forte legame d’amicizia, andando totalmente contro le volontà degli scienziati militari che lo hanno ideato…

LA FUITINA SBAGLIATA (Italia 2018) Regia di Mimmo Esposito. Con Annandrea Vitrano, Claudio Casisa. Commedia. 80 min.● Due giovani fidanzati, spinti dalle rispettive famiglie, decidono di sposarsi e di iniziare assieme anche un’attività imprenditoriale per produrre il cannolo dell’amore. Alla soglia del matrimonio però i due giovani scoprono di non amarsi più e non sanno come dirlo ai famigliari. Decideranno così di scappare

L’APPARIZIONE (Francia 2018) Regia di Xavier Giannoli. Con Vincent Lindon, Galatéa Bellugi. Drammatico. 140 min.● Un giornalista, per la sua grande reputazione come reporter di talento, richiama l’attenzione del Vaticano, che lo assume per una missione molto speciale: essere parte di una commissione d’indagine sulla veridicità di un’apparizione in un piccolo villaggio francese

1938 – DIVERSI (Italia 2018) Regia di Giorgio Treves. Con Roberto Herlitzka. Documentario. 62 min. ● L’Italia non fu seconda a nessun’altra nazione per la meticolosità e la durezza delle misure imposte agli ebrei. Il 14 luglio 1938, “Il Giornale d’Italia” pubblicava il Manifesto della Razza, redatto e firmato da sedicenti scienziati italiani che stabiliva inconfutabilmente la suddivisione dell’umanità in razze, l’esistenza di una razza italiana pura e la non appartenenza degli ebrei alla razza italica

IL COMPLICATO MONDO DI NATHALIE (Francia 2017) Regia di David Foenkinos, Stéphane Foenkinos. Con Karin Viard, Dara Tombroff. Commedia. 102 min. ● Una professoressa di lettere, divorziata, cinquantenne in ottima forma e madre premurosa, scivola verso una gelosia malata: per la figlia diciottenne, per i suoi amici, per i colleghi, per i vicini di casa…

LA MORTE LEGALE (Italia 2018) Regia di Silvia Giulietti. Con Luigi Botta, Lorenzo Tibaldo. Documentario. 52 min. ● A Boston, nel 1920, due italiani, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, vengono condannati a morte. L’unica loro colpa è essere anarchici. Il mondo intero si ribella, le piazze si riempiono, non sono in gioco solo le vite di due uomini, ma gli ideali che rappresentano. Si alzano milioni di voci in decine di lingue diverse, contro l’intolleranza, l’ingiustizia, la pena di morte. Chiedono giustizia per Sacco e Vanzetti. Ma il boia non si fermerà

I grandi temi e l’umanità di Papa Francesco messi in luce da Wim Wenders • E i fantasmi di Delbono investigatore privato

(di Marisa Marzelli) Nella filmografia di Wim Wenders, accanto ai lungometraggi di fiction che l’hanno reso famoso come esponente di punta del Nuovo Cinema Tedesco nato negli anni ’60, si sono affiancati documentari d’autore. Pensiamo al successo del Buena Vista Social Club, ai lavori su Pina Bausch e il fotografo brasiliano Sebastião Salgado.
Stavolta Wenders alza ancora l’asticella e dedica un documentario a papa Bergoglio. Non un classico biopic ma un film su e con il pontefice venuto dalla fine del mondo.
Se il risultato, nell’insieme, non va oltre un impegno corretto e molto “istituzionale”, è interessante – in termini di comunicazione mediatica – l’operazione in sé. L’iniziativa non parte dal regista, che fu contattato da monsignor Dario Viganò (dal 2015 al marzo scorso prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede) per realizzare il filmato. Il Vaticano metteva a disposizione del regista tedesco i suoi archivi, libertà nell’elaborazione del progetto e la disponibilità di papa Bergoglio ad essere intervistato e filmato. Una di quelle offerte difficili da rifiutare. Due anni di lavoro, quattro incontri a tu per tu con Bergoglio e il debutto, fuori concorso, all’ultimo Festival di Cannes. Papa Francesco – Un uomo di parola era destinato in primis al mercato americano (è uscito negli Stati Uniti il 18 maggio) e in seguito alla distribuzione nel mondo intero. In Italia l’uscita avviene con ritardo, forse per non coincidere con la bufera scatenatasi di recente sulla pedofilia nella chiesa cattolica.
Tornando alla sua costruzione – con il supporto del Centro televisivo vaticano – il film non sfugge alla logica dei lavori di realizzatori “embedded”, cioè che operano in sinergia con gruppi di cui devono riferire (il termine è usato soprattutto per i reportage di guerra, con registi al seguito delle truppe di una parte in causa). Qui Wenders è agevolato dalla capacità di Bergoglio di essere un grande comunicatore. A un lungo ma frazionato dialogo faccia a faccia con il papa, che a volte sembra guardare in macchina e rivolgersi direttamente allo spettatore, il regista (anche voce narrante fuori campo) alterna spezzoni estratti dagli archivi vaticani sui tanti viaggi papali nel mondo e gli incontri in consessi internazionali (dalle Nazioni Unite al Congresso americano). Non mancano i bagni di folla con i più umili, dalle favelas ai toccanti incontri con carcerati, alle folle riunite in Piazza San Pietro.
In alternanza con queste immagini d’archivio, Wenders propone anche una piccola e sommessa fiction in bianco e nero su San Francesco, il modello – già nel nome scelto per il pontificato – del papa argentino. Le immagini del docu-film partono da Assisi e vi si riferiscono più volte, come a voler sottolineare la predilezione di Bergoglio per una Chiesa che si fa povera tra i poveri e i derelitti.
Nella conversazione il papa e il regista parlano dei grandi temi al centro delle preoccupazioni del mondo d’oggi, disuguaglianze sociali ed economiche, ecologia e sconvolgimenti climatici, guerre, materialismo, ruolo della famiglia e, naturalmente, grandi migrazioni. Bergoglio non si sottrae ad alcuna domanda, nemmeno a quelle dei giornalisti che lo accompagnano nei viaggi ufficiali. Sempre con semplicità e dalla parte dei deboli, a tratti persino con qualche battuta umoristica.
La tela di fondo risulta un ampio giro d’orizzonte sulle tematiche a cui dà voce questo papa giunto al sesto anno di pontificato. Quel che manca al film di Wenders (ma come fargliene una colpa, trattandosi di un’opera su committenza?) è, oltre a qualche affondo più critico su argomenti specifici, un fil rouge più netto e individuabile che leghi tutto il pensiero di Bergoglio.
C’è in effetti, il tentativo di un approfondimento sul concetto di tempo e sull’uso che ne faccia la nostra società, ma è labile e a volte si perde. Apprezzabile, invece, il fatto che Papa Francesco – un uomo di parola non si rivolga solo a un pubblico cattolico o cristiano ma a tutti. Mettendo in luce l’umanità del pontefice romano più che le sue convinzioni teologiche.

――――――

PIPPO DELBONO INDAGA SULLA SCOMPARSA D’UN FAMOSO ATTORE. E S’INGARBUGLIA TRA RICORDI, INCUBI E FANTASMI

(di Marisa Marzelli) Ce l’ha fatta a trovare una distribuzione nelle sale, dopo il passaggio a vari festival più o meno famosi, Oltre la nebbia. Il mistero di Rainer Merz, secondo lungometraggio del regista astigiano Giuseppe Varlotta. Lo si può considerare un giallo e racconta della misteriosa sparizione di un attore famoso durante le riprese di un film; ma l’autore preferisce la definizione “mistery thriller dal sapore esoterico”. Molto esoterico per la verità, ed è questo aspetto a generare più di una domanda sul significato finale dell’opera. Lunga gestazione, coproduzione italo-svizzera, diverse insolite e suggestive location sono state trovate nel Canton Ticino.
Sin dalle prime scene un investigatore privato indaga. A interpretarlo è il regista e attore Pippo Delbono, il cui personaggio vuole essere un po’ la summa dei tanti “occhi privati” nati dall’immaginario letterario e cinematografico. Stropicciato dalla vita, tormentato dai fantasmi del passato, alla ricerca di verità sfuggenti. Al suo fianco, un cast internazionale con Corinne Cléry (indimenticata interprete de L’histoire d’O), Cosimo Cinieri, Vincent Nemeth, Frédéric Moulin, Luca Lionello e la ticinese Hanaì Traversi. La fotografia è di Fabio Olmi, figlio dell’autore de L’albero degli zoccoli; nella colonna sonora anche una canzone originale di Giorgio Conte. Nato da un’idea di Giovanni Casella Piazza, che ne è anche produttore, il film è stato realizzato con il contributo, tra altri enti italiani e svizzeri, della Ticino Film Commission e della Film Commissione Torino Piemonte.
La narrazione è divisa in capitoli scanditi dai giorni della Settimana Santa. Il film è esplicitamente dedicato alla memoria di Mario Monicelli (Varlotta l’aveva diretto in un corto intitolato Nanà) e meno esplicitamente all’attore e cabarettista Felice Andreasi, di cui il protagonista porta il cognome.
Il plot è complicato: l’investigatore (Delbono) viene incaricato dalla costumista (Cléry) di indagare sulla scomparsa dell’attore Rainer Merz (Cinieri) sparito durante le riprese di un film storico sull’imperatore Federico II. Dal passato del detective cominciano ad affiorare ricordi e incubi legati al proprio vissuto e in particolare alla morte di una bambina nei pressi di una cascata. Da qui in poi il racconto si aggroviglia tra presente e passato, onirico e allucinatorio; l’esoterismo esplode e si sfiora l’horror. Il finale cita Rosemary’s Baby di Polanski.
Al di là della trama (sceneggiatura dello stesso regista, insieme a Paolo Gonella e Giovanni Casella Piazza), che mette troppa carne al fuoco, s’ingarbuglia e fatica poi a districarsi, colpisce l’elegante resa visiva. In particolare, Varlotta (di formazione architetto) ha un tocco felice negli esterni. Propone, ad esempio, a chi riconosce i luoghi, una Bellinzona, capitale del Canton Ticino e città di funzionari, sorprendentemente inedita. Persino strade e piazze, che il passante attraversa di solito senza guardarsi attorno, diventano luoghi quasi magici, che sembrano trasudare inquietudini e misteri. Per non parlare delle scene ambientate in Valle di Blenio (nord del Canton Ticino) attorno alla ex-fabbrica di cioccolato Cima Norma.