Tre documentari, e discussione con gli autori. Per affrontare la complessa realtà delle migrazioni e della convivenza

ROMA, giovedì 18 maggio – Dal 26 al 28 maggio si svolgerà presso il cinema KINO di Roma (via Perugia 34) la seconda edizione della rassegna REMIX (ingresso gratuito con tessera ARCI), evento che intende coniugare racconto cinematografico e approccio scientifico per affrontare la complessa realtà delle migrazioni e della convivenza. Il progetto è realizzato dal cinema nel quartiere Pigneto, dal DSU (Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale) e dall’ILIESI – Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del CNR.
Tre le opere attorno alle quali ruotano proiezioni e incontri della rassegna:

Venerdì 26 maggio, alle ore 20.30 la proiezione de I Migrati, diretto da Francesco Paolucci e a seguire incontro con il regista e con Daniela Di Capua, Direttore del Servizio Centrale SPRAR. Ore 22.30, seconda proiezione. Prodotto dalla “Comunità XXIV luglio – handicappati e non” de L’Aquila, il documentario racconta il viaggio di quattro ospiti della comunità, divenuti giornalisti per l’occasione, nei paesi dell’Appennino che accolgono richiedenti asilo e rifugiati. Attraverso interviste ai migranti e agli abitanti dei luoghi visitati, discussioni e riflessioni, il risultato è un’Italia differente da quella spesso descritta dai media.

Sabato 27 maggio, sempre alle ore 20.30 e alle 22.30, proiezione del documentario spagnolo En tierra extraña, di Icíar Bollaín, che sarà discusso in sala da Iris Martín Peralta, direttore del Festival del Cinema Spagnolo, e da Maria Eugenia Cadeddu, ricercatore CNR-ILIESI. Il documentario presenta la storia di Gloria e di altri spagnoli emigrati a Edimburgo per sfuggire alla crisi economica e costruirsi una vita migliore. Attraverso la simbologia di un guanto perduto e l’opera d’arte collettiva Ni perdidos, ni callados, gli spagnoli intervistati raccontano in modo originale la loro condizione di migranti, emblematica dei flussi migratori interni all’Europa.

Domenica 28 maggio, ultimo appuntamento della rassegna: alle ore 20.30 e 22.30, con la proiezione del documentario Sponde. Nel sicuro sole del nord, diretto da Irene Dionisio, che sarà presente in sala per discutere con Michele Colucci, ricercatore CNR-ISSM. A Lampedusa, Vincenzo, custode (in pensione) del cimitero, si preoccupa di seppellire i migranti vittime dei naufragi, nonostante le critiche per l’uso della croce in tombe destinate a persone non di fede cattolica. A Zarzis, in Tunisia, il postino Mohsen Lidhabi raccoglie indumenti e oggetti restituiti dal mare alla terra, a seguito di naufragi. Fra i due inizia una singolare corrispondenza.

Consulenza scientifica CNR, Maria Eugenia Cadeddu – Coordinamento e gestione CNR, Rosanna Godi – Coordinamento generale, Claudia Pecoraro.

Per informazioni: KINO, via Perugia 34 – Roma.
Tel. 06 96525810
www.ilkino.it

 

La straordinaria storia del gesuita Matteo Ricci in Cina alla fine del Cinquecento. Raccontata dal Teatro di Shanghai

MILANO, mercoledì 17 maggio – Dopo un’anteprima in forma di studio, nell’ambito delle manifestazioni del Semestre Expo, Matteo Ricci e XuGuangqi torna a raccontare, questa volta in forma compiuta, la vita di padre Ricci (1552-1610), gesuita, matematico, cartografo e missionario in Cina dal 1582 sino alla morte. Evangelizzatore della Cina, vissuto ai tempi della dinastia Ming, padre Ricci, il cui nome mandarino era Li Madou, fu talmente stimato dai cinesi da essere da loro insignito del titolo di Studioso confuciano del Grande Occidente. XuGuangqi, il migliore amico cinese di Matteo Ricci, era invece uno scienziato nonché un alto funzionario dell’impero. Creato dalla Shanghai Theatre Academy, lo spettacolo è un omaggio alla straordinaria amicizia che legò nel XVI secolo due uomini di scienza e di fede (anche se non della stessa). Un inno alla comprensione tra i popoli e al rispetto per l’uomo, possibile là dove regnino l’amore dello studio e della conoscenza.

“Matteo Ricci e XuGuangqi”, di William H. Sun, drammaturgia ChunfangFei, musiche tradizionali, scene e luci TianfuYi, regiaKuang Shen – produzione Shanghai Theatre Academy – Spettacolo in lingua cinese con sovratitoli in italiano – Al Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli 6, Milano) – Dal 23 al 25 maggio.

Informazioni e prenotazioni 0242411889
www.piccoloteatro.org

L’INCONTRO – Mercoledì 24 maggio, ore 17, al Chiostro Nina Vinchi (via Rovello 2, Milano), nell’ambito delle iniziative per il Settantesimo e del ciclo “Milano, l’Europa, il mondo” – giornate di studio in Università e incontri nei teatri per esplorare la vocazione internazionale del Piccolo Teatro –si tiene un incontro con la Shanghai Theatre Academy. Intervengono LouWei (Shanghai Theatre Academy), Rosanna Binacchi(MIBACT), Sergio Escobar e Alessandra Lavagnino (direttore dell’Istituto Confucio). In collaborazione con Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano. Ingresso gratuito con prenotazione online sul sito:
www.piccoloteatro.org

Festival di musica antica (e un concorso internazionale) nei luoghi più suggestivi di Milano. Protagonista il clavicembalo

Gianluca Capuano dirigerà il concerto inaugurale nella Basilica di Santa Maria della Passione

MILANO, giovedì 11 maggio – Conferenze, concerti, recital e visite guidate, oltre alla novità assoluta della prima edizione del Concorso Internazionale di Clavicembalo, per un totale di 27 appuntamenti in dieci diversi sedi della città. Torna per la sua XI edizione Milano Arte Musica, il festival internazionale – organizzato dall’associazione culturale La Cappella musicale e dal Comune di Milano, con il patrocinio della Regione Lombardia, che celebra la musica antica nei luoghi più suggestivi.
In questo 2017, la manifestazione anticiperà il suo avvio al 13 giugno (per terminare il 24 agosto) con un momento di formazione del pubblico a cui è dedicato il ciclo di conferenze: presso la Basilica di Santa Maria della Passione, alle 20:30, lo storico dell’arte e gallerista Philippe Daverio accompagnerà il pubblico in un viaggio tra tradizione pittorica e musicale nella Lombardia del XVI e XVII secolo; negli appuntamenti successivi ci sarà spazio per l’approfondimento su Bach e gli strumenti a tastiera dell’epoca barocca (il 19 giugno in Sala Capitolare del Bergognone), per la celebrazione del 450mo compleanno di Claudio Monteverdi (il 26 giugno) e per un omaggio al clavicembalo attraverso un excursus sulle sue origini (23 luglio presso la chiesa di San Bernardino alle Monache).
Ricco il cartellone concertistico che partirà martedì 27 giugno nella Basilica di Santa Maria della Passione con l’esecuzione de Il Canto di Orfeo e Les Cornets Noires, sotto la direzione di Gianluca Capuano. La rassegna musicale interesserà diversi luoghi del patrimonio artistico e culturale milanese, come la Basilica di San Sempliciano, la Chiesa di San Sepolcro, la Chiesa di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa, la Chiesa di San Bernardino alle Monache, la Chiesa di San Pietro in Gessate, la Pinacoteca Ambrosiana e il Teatro Dal Verme.
Protagonista della novità dell’XI edizione di Milano Arte Musica sarà il clavicembalo con la prima edizione del Concorso Internazionale di Clavicembalo – Città di Milano: 12 candidati, giunti da diverse parti del mondo, competeranno nella semifinale di martedì 25 luglio in Sala Capitolare del Bergognone; tra questi, soltanto 5 potranno esibirsi durante la finale di mercoledì 26 luglio. Una giuria composta da Ottavio Dantone, Christophe Rousset e Jos van Immerseel decreterà il vincitore.

Per informazioni sui biglietti e il calendario completo degli appuntamenti:
www.lacappellamusicale.com

 

Festival marchigiano del cinema d’animazione poetico. Saranno presenti sedici opere provenienti da tutto il mondo

PESARO-URBINO, giovedì 10 maggio Nel centro storico di Pergola (Pesaro – Urbino), nel giardino di Casa Godio, dal 13 al 16 luglio 2017 si svolgerà la seconda edizione di ANIMAVÌ – Festival Internazionale del Cinema d’animazione poetico, con la direzione artistica del regista italiano di cinema d’animazione, Simone Massi, che da anni realizza il trailer e la locandina della Mostra del Cinema di Venezia. Ospite d’eccezione il Maestro svizzero Georges Schwizgebel, regista premiato nei festival di tutto il mondo, da Cannes ad Annecy, autore di oltre venti cortometraggi d’animazione (tra cui La Course à l’abîme; The Man with No Shadow; Romance; Jeu; Erlkönig), in cui applica una tecnica artigianale, nel dipingere a mano ogni fotogramma, di fatto opere d’arte dinamiche. A condurre le serate, che vedranno la partecipazione di ospiti musicali e personaggi del mondo della cultura italiana e internazionale, Luca Raffaelli, giornalista, saggista, sceneggiatore ed esperto di fumetti e animazione in Italia.
A contendersi il Bronzo Dorato, trofeo artistico, ispirato all’omonimo gruppo equestre di epoca romana e simbolo della cittadina marchigiana, saranno 16 opere di animazione provenienti da tutto il mondo, dall’Australia alla Svizzera passando per l’italiano “Confino“, di Nico Bonomo, ma anche lavori da Spagna, Francia, Russia, Cina, Corea del Sud, Polonia, Lituania, Portogallo e Danimarca. La Croazia sarà rappresentata da “1000” di Danijel Zezelj.
“Animavì” vuole soprattutto rappresentare a livello internazionale il “cinema d’animazione artistico e di poesia”, quel genere di animazione indipendente e d’autore che si propone di raccontare per suggestione, prendendo le distanze dall’animazione mainstream. Cioè dalla tendenza dominate dei film d’animazione.

Animavì è realizzato grazie all’organizzazione di Mattia Priori, Leone Fadelli, Silvia Carbone e dall’associazione culturale Ars Animae, con il contributo e patrocinio di Regione Marche, Ministero deI Beni Culturali e delle attività culturali e del turismo, Marche Film Commission, Marche Cinema Multimedia, Comune di Pergola, Provincia di Pesaro e Urbino, SNGCI – Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani e Accademia del Cinema Italiano Premio David di Donatello. Il festival ha ricevuto dal Presidente della Repubblica la Medaglia al Merito per il valore culturale dell’iniziativa.

Per maggiori informazioni:
www.animavi.org
info@animavi.org
www.facebook.com/animavifestival
cell.328 5371144