Lunedì 16 dicembre dibattito a Firenze sui rischi sismici e su come salvaguardare i capolavori museali

Grazie alla collaborazione tra Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo e l’Università di Firenze, lunedì 16 dicembre (dalle 9.30 alle 11.30) alla Galleria dell’Accademia di Firenze si terrà il convegno dal titolo “Valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale: un’applicazione sperimentale per il museo della Galleria dell’Accademia di Firenze”. I recenti eventi sismici, che hanno coinvolto il territorio italiano, hanno evidenziato la notevole fragilità dell’edilizia storica. La carenza di adeguate azioni di prevenzione ha comportato negli anni notevoli danni al patrimonio culturale nonché un dispendio enorme di risorse economiche per gli interventi di ricostruzione post-sisma. Scopo dell’incontro è illustrare la metodologia di lavoro impostata per la verifica di vulnerabilità sismica della Galleria dell’Accademia di Firenze che, in quanto custode di uno dei più importanti capolavori della scultura cinquecentesca quale il David di Michelangelo, ha un ruolo prioritario nell’attività di tutela del patrimonio culturale italiano.

5-8 dicembre: la piccola e media editoria in mostra a Roma al Palazzo dei Congressi

Il primo passo è aprire un libro. Il secondo viene di conseguenza e può portare ovunque: dal rilancio dopo la tempesta, alla scoperta di nuovi orizzonti. Si parte da un libro, si riparte da “Più libri più liberi”, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, la cui dodicesima edizione è in programma da giovedì 5 a domenica 8 dicembre al Palazzo dei Congressi di Roma. Promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori, “Più libri più liberi” torna a mostrare le ricchezze di un settore – quello della piccola e media editoria –, che svolge un ruolo fondamentale nel panorama dell’editoria italiana e resiste al periodo di crisi, trovando forza nell’indipendenza culturale ed economica, esplorando percorsi sconosciuti, portando alla luce inedite letterature, valorizzando giovani talenti. Nei quattro giorni della manifestazione, il Palazzo dei Congressi ospita 374 espositori, 900 ospiti in 310 appuntamenti, con autori nazionali e internazionali, artisti, rappresentanti dell’editoria, dello spettacolo, della cultura.

Vladimir Putin e Enrico Letta ratificano a Trieste l’intesa “Ermitage Italia” che avrà sede a Venezia

Nell’ambito del vertice governativo italo-russo che si è tenuto martedì 26 novembre a Trieste, alla presenza del presidente russo Vladimir Putin e del Premier italiano Enrico Letta, è stato ratificato il Protocollo d’Intesa per l’apertura del Centro Scientifico Culturale “Ermitage Italia” a Venezia. Annunciata nel luglio scorso, e quindi siglata a San Pietroburgo, l’intesa è stata inserita tra gli accordi bilaterali tra i due Stati quale unico protocollo specifico di carattere culturale. A Palazzo della Regione a Trieste, dove si sono riunite le delegazioni governative per la firma degli accordi e dei protocolli tra i due Stati, la Città di Venezia e il Museo Statale Ermitage, hanno riaffermato la comune volontà di rinnovare “le attività scientifiche culturali e organizzative della Fondazione Ermitage Italia attraverso il Centro Scientifico e Culturale ‘Ermitage Italia’, promotore il Comune di Venezia. “Ermitage Italia”, centro di studi e ricerche per lo sviluppo delle relazioni culturali tra Italia e Russia e lo studio dell’arte italiana in Russia, avrà dunque sede nel cuore della città lagunare nelle Procuratie Vecchie in Piazza San Marco e da qui svolgerà la sua attività sul territorio nazionale. “Dopo il lavoro svolto insieme in questi anni – ha commentato il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni – sono felice che sia riconosciuto anche a livello governativo un impegno importante che è stato sostenuto sia dal Museo Statale Ermitage sia dalla Città di Venezia, e ci auguriamo che questo riconoscimento permetta di sviluppare i progetti in atto e i tanti che ancora vogliamo avviare”. Tra gli impegni già annunciati dal Sindaco di Venezia e dal Direttore dell’Ermitage, un convegno internazionale, in programma la prossima primavera nella città lagunare, sullo stato dei musei nel nuovo secolo, in cui i direttori delle principali Istituzioni europee si confronteranno alla luce dei 250 anni dell’Ermitage – che ricorrono proprio nel 2014 – e della peculiarità del sistema museale italiano.

A Firenze giornata di studio e concerto per d’Annunzio al Museo di Casa Martelli

Giovedì 28 novembre al Museo di Casa Martelli (via Zannetti 8, Firenze), sarà celebrato il centocinquantenario della nascita di Gabriele d’Annunzio (Pescara 12 marzo 1863 – Gardone Riviera 1 marzo 1938). Il programma dell’iniziativa prevede una giornata di studio e un concerto. Alle 16, dopo le introduzioni del Soprintendente Cristina Acidini, del Direttore dei Casa Martelli, Monica Bietti, e del Vice presidente dell’Ente Cassa di Risparmio, Pierluigi Rossi Ferrini, promotore e sostenitore dell’iniziativa, si susseguiranno gli interventi di Carlo Sisi (Consigliere dell’Ente Cassa di Risparmio), di Claudio Paolini (Sprintendenza Beni Architettonici) che parlerà de “La Capponcina: un arredo in forma di romanzo”; di Marco Marchi (Università di Firenze) che tratterà de “Lo sguardo e i simboli. Con d’Annunzio alla Capponcina”; quindi lo storico dell’arte Andrea Baldinotti parlerà su “Gabriele d’Annunzio, Camillo Biondi, la Manifattura di Signa. Da un epistolario inedito”; a seguire Simona Costa (Università di Roma Tre) chiuderà gli interventi parlando de “Il mago della Capponcina: tra parola e musica, verso un’arte totale”. La seconda parte della giornata prevede alle 20.45 un concerto del mezzosoprano Silvia Regazzo, con Daniela Costa al pianoforte, che prevede romanze di Francesco Paolo Tosti (1846-1915) su liriche di Gabriele d’Annunzio. L’iniziativa è a ingresso libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.