I film della scorsa settimana: Missione Amazzonia (Rio 2) e Johnny Depp mente artificiale

“Transcendence” (Durata: 120 – Regia Wally Pfister – Con Johnny Depp, Paul Bettany, Rebecca Hall, Kate Mara – Drammatico – Usa). Il dottor Will Caster (Johnny Depp), il più importante ricercatore nel campo dell’Intelligenza Artificiale, sta lavorando per creare una macchina senziente che combini l’intelligenza collettiva di tutto lo scibile umano con l’intera gamma delle emozioni. Questo processo già messo in moto dal grande scienziato di intelligenza artificiale, viene accelerato allorquando, sul punto di morire, lui stesso decide di “scaricare” completamente la sua mente nel super computer che ha già precedentemente caricato con tutta la conoscenza umana, creando di fatto una super-entità superiore a qualsiasi essere
“Rio 2 “Missione Amazzonia” (Durata: 102 – regia Carlos Saldanha – Con Anne Hathaway, Jamie Foxx, Leslie Mann, Jesse Eisenberg – Animazione – Brasile, Usa). Abituati a vivere comodamente in città, insieme ai loro tre figlioletti (la saputella Bia, il piccolo e avventuroso Tiago e la temeraria adolescente Carla), Gioiel è preoccupata che i figli , sull’esempio del padre, diventino più simili agli umani anziché imparare a comportarsi come veri uccelli. Pertanto, decide di portare la sua famiglia in Amazzonia, alla ricerca delle terre selvagge dei loro avi… Realizzato in 3D da Fox Animation e dai Blue Sky Studios, anche questo nuovo film nasce dalla mente creativa di Carlos Saldanha, regista della celeberrima saga “L’era glaciale”.
Gigolò per caso” (Durata: 98 – Regia John Turturro – Con John Turturro, Woody Allen, Sharon Stone, Sofía Vergara – Commedia – Usa). Fioravante e Murray, due amici per la pelle in condizioni economiche precarie, per sbarcare il lunario decidono di cimentarsi con il mestiere più antico del mondo. L’uno (John Turturro) nei panni di un gigolò, l’altro (Woody Allen) nel ruolo di manager. Con il nome d’arte Virgil, Fioravante si destreggia tra un ménage a trois con due avvenenti signore alla ricerca di emozioni forti (Sharon Stone e Sofía Vergara,) e gli incontri ben più casti con Avigal, vedova di un rispettato Rabbino, desiderosa di scoprire cose nuove… Murray scopre che non è poi così facile fare il protettore...
“Ti sposo ma non troppo” (Durata: 95 – Regia Gabriele Pignotta – Con Vanessa Incontrada, Gabriele Pignotta, Chiara Francini, Fabio Avaro – Commedia – Italia). È la storia di Andrea (Vanessa Incontrada), una giovane e affascinante donna delusa dall’amore, di Luca (Gabriele Pignotta), un fisioterapista single che si finge psicologo per sedurla, e di una coppia, Carlotta e Andrea che entra in crisi alla vigilia del matrimonio (Chiara Francini e Fabio Avaro). Per un casuale doppio scambio di identità, le vite dei quattro personaggi finiranno per intrecciarsi ed essere travolte dall’eterna ricerca dell’amore perfetto...
“Alla ricerca di Vivian Maier” (Durata: 83 – Regia John Maloof, Charlie Siskel – Con John Maloof, Mary Ellen Mark, Phil Donahue – Documentario – Usa). Una tata misteriosa che ha scattato oltre centomila fotografie, ritrovate dopo decenni, è oggi considerata uno dei fotografi più importanti del XX secolo. La vita e l’arte di Vivian Maier rivelate attraverso fotografie, filmati e interviste inedite alle persone che la conoscevano. O credevano di conoscerla.
“Song’e Napule” (Durata: 114 – Regia Manetti Bros. – Con Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli – Commedia – Italia). Paco, pianista raffinato e disoccupato, riesce a entrare in polizia, relegato in un deposito giudiziario. Un giorno arriva il commissario Cammarota, un mastino dell’anticrimine sulle tracce di un pericoloso killer della camorra detto O’ Fantasma perché nessuno conosce il suo vero volto. Al commissario serve un pianista poliziotto per infiltrarsi nel gruppo di Lollo Love, un noto cantante neomelodico che allieterà il matrimonio di Antonietta Stornaienco, futura nuora de ‘O Fantasma. A Paco non poteva capitare di peggio… Invece sarà la svolta della sua vita.
“Onirica – Field of Dogs” (Durata: 102 – Regia Lech Majewski – Con Michal Tatarek, Elzbieta Okupska, Jacenty Jedrusik, Karolina Korta – Drammatico – Polonia). Dopo “Il giardino delle delizie” (2004), ispirato all’omonimo quadro di Bosch, e “I colori della passione – The Mill & The Cross” (2011), l’incredibile viaggio nel dipinto epico di Pieter Bruegel “La salita al calvario”, l’artista, poeta, pittore, compositore, scrittore, produttore, regista teatrale e film maker polacco, Lech Majewski, completa il suo trittico ispirato ai grandi maestri del passato, accostandosi al capolavoro di Dante Alighieri con il nuovo lungometraggio “Onirica”, una visionaria e spettacolare rilettura contemporanea della Divina Commedia.