Venezia rilancia. Cinque concerti trasmessi gratuitamente in diretta streaming dal Teatro La Fenice e dal Teatro Malibran

E il mondo dello spettacolo, concerti opere prosa, va avanti come se niente fosse a colpi di streaming. Accontentiamoci. Ma asseconda sempre più la pigrizia degli spettatori, ormai rassegnati al drogato torpore dell’immagine televisiva, e i più giovani inesorabilmente attratti dalla fata morgana dei social e dei tik tok dagli occhi a mandorla. Si riapriranno ancora le porte dei teatri al civile e cordiale incontro degli appassionati, senza più distanziometri, affratellati nella cultura del palcoscenico, arte viva e pulsante di millenarie tradizioni? Comune mensa di incontri e di passioni, tra il pianto e il riso, tra gioie entusiasmi e purificanti tragedie, saprà ancora prevalere il nobile rito del teatro? Forse no. Ormai sembra prevalere soltanto il vessillo nazional-popolare di italiche passioni canzonettare, in questo stanco e depresso Paese. Ma non esiste solo Sanremo, anche se i “nostalgici” del palcoscenico pensano, ahinoi, che, per i politici italiani, cinema e teatri non siano mai esistiti. Facendo finta d’essere in platea, godiamoci, almeno, ad occhi chiusi, il divino piacere della musica dai grandi teatri. Gli unici che, grazie ai loro apparati tecnico/amministrativi, sanno ancora donarci qualche illusione. (p.a.p.)

VENEZIA, mercoledì 27 gennaio – La Fenice non si ferma e, forte del numerosissimo seguito nazionale e internazionale registrato via web, rilancia un ricco calendario di concerti in diretta streaming, trasmessi gratuitamente (sul sito www.teatrolafenice.it e tramite il suo canale YouTube).
Stenz, Valčuha, Manacorda, Moretti, Koopman: questi i direttori che guideranno le compagini orchestrali e corali della Fenice in un serie di appuntamenti dal 30 gennaio al 6 marzo 2021, tutti con inizio alle ore 17.30. La Fenice dunque non si ferma: ci sarà una pausa di lavoro dal 31 gennaio al 13 febbraio, con i dipendenti in cassa integrazione – e poi il Teatro veneziano continuerà a produrre musica con i più prestigiosi interpreti, e a condividerla con il suo pubblico in forma completamente gratuita.
Sarà Markus Stenz il protagonista del prossimo concerto trasmesso in live-streaming dalla Fondazione Teatro La Fenice: sabato 30 gennaio, dal nuovo palcoscenico del Teatro Malibran. Il maestro tedesco si esibirà alla testa dell’Orchestra del Teatro La Fenice nell’esecuzione di due brani, la suite dalle musiche di scena Der Bürger als Edelmann (Il borghese gentiluomo) op. 60 di Richard Strauss e la Sinfonia n. 41 in do maggiore kv 551 Jupiter di Wolfgang Amadeus Mozart.
Nell’appuntamento successivo, in programma domenica 21 febbraio 2021, Antonello Manacorda dirigerà la Quarta Sinfonia di Gustav Mahler, con l’apporto solista del soprano Carmela Remigio.
La Mer di Claude Debussy e i Quadri di un’esposizione, di Modest Musorgskij, sono invece i brani in programma nel concerto diretto dal maestro Juraj Valčuha, tra i massimi interpreti del panorama contemporaneo, attualmente direttore musicale del Teatro di San Carlo di Napoli nonché primo direttore ospite della Konzerthausorchester di Berlino. Il concerto, inizialmente previsto nel mese di ottobre come evento inaugurale della Stagione 2020-2021, è fissato per sabato 27 febbraio 2021.
Di grande attrattiva e originalità è la proposta musicale del concerto che vedrà protagonista il Coro e gli strumentisti del Teatro La Fenice diretti da Claudio Marino Moretti, in programma domenica 28 febbraio 2021: verranno eseguiti Plainscapes di Pēteris Vasks, nella versione per coro, violino e violoncello, e i Chichester Psalms per coro, organo, arpa e percussioni di Leonard Bernstein.
Sarà infine Ton Koopman, per la prima volta alla testa dell’Orchestra del Teatro La Fenice, a dirigere il concerto che chiuderà questa parte della Stagione, sabato 6 marzo 2021. Al maestro olandese, specialista di musica barocca e figura di riferimento nel movimento dell’interpretazione antica, è affidato l’affascinante compito di tracciare un filo conduttore tra Ludwig van Beethoven e la musica di Johann Sebastian Bach: il programma musicale affiancherà infatti a due Suite per orchestra di Bach – la n. 1 in do maggiore bwv 1066 e la n. 3 in re maggiore bwv 1068 –, e la Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36 di Beethoven.

Per ulteriori informazioni:
www.teatrolafenice.it